Rituale Equinozio di Primavera

Aprire il Cuore al Nuovo

Pratica Meditativa del 20 Marzo

L’equinozio di primavera ha un significato energeticamente profondo. E’ il momento di passaggio dal riposo, introspezione e profondità dell’inverno, alla rinascita, eccitazione ed espansione della primavera.
In modo specifico proprio nel giorno dell’equinozio viviamo la festa degli opposti, della dualità delle forze maschili e femminili, rappresentate dal giorno e dalla notte che hanno la stessa durata, e dell’equilibrio cosmico che con slancio ciclicamente rinnovatore ci garantiscono vita, efficienza e ulteriore abbondanza.
Ed in questo mese posto sotto il dominio di Marte simbolo delle forze maschili fecondatrici, si festeggia  la fertilità, la crescita e la vita sia degli uomini che della natura.

 

Questo nel Tantra viene associato alla manifestazione della Coppia Cosmica, Shiva e Shakti
 

Tutto vibra, tutto ha un ritmo, SHIVA è  il Signore del ritmo e della danza e come tale dà origine al mondo delle forme.
La danza, considerata un tipo di magia, in quanto permette di liberare le forze soprannaturali del danzatore, costituisce in SHIVA un vero e proprio atto creativo.
Ma SHIVA non può essere concepito senza la sua metà femminile, la SHAKTI. Egli può diventare attivo solo quando l’energia della

SHAKTI gli dà forza. Senza SHAKTI, SHIVA diventa SHAVA, ossia un corpo senza vita.
 

SHAKTI: dalla radice shak significa essere capace di fare, avere la forza di fare, di agire; sostanzialmente vuol dire potenza. Essa è il principio universale di energia, potenza e creatività. SHAKTI è inseparabile da colui che la possiede – SHAKTIMAN, principio maschile o Padre Universale.


L’universo è il prodotto di questa coppia di opposti: uno statico (SHAKTIMAN) l’altro dinamico (SHAKTI). La parte esteriore di ogni cosa è l’aspetto creativo della forza dinamica, e all’interno di ogni creatura dinamica c’è la forza statica, che è il nucleo dell’esistenza fenomenica.


SHIVA e SHAKTI costituiscono la contrapposizione dei principi costitutivi dell’universo; il primo è lo spirito, l’uomo cosmico (PURUSHA), la seconda è l’energia del mondo (PRAKRITI). L’intera manifestazione è il prodotto dell’energia che deriva dalla potenza della loro unione che genera beatitudine.


Tutto ciò è presente in ognuno di noi, e così come in un albero questa energia sale ma solo quasi un mese dopo comincerà a mettere le sue foglie….cosi permettiamo che questa energia salga dentro di noi per poi esprimersi e fiorire nel suo corso naturale …
Per aiutare questo corso naturale è importante permetterci di fare spazio, lasciando andare tutto ciò che non ci appartiene più o che ci ostacola. Per permettere ai nuovi germogli di fiorire…..


E l’energia importante da coltivare, da richiamare per permettere ai nuovi germogli di sbocciare è il fuoco.

Aumentiamo la nostra risonanza con l’energia del fuoco,
energia di trasformazione, di guarigione e di vita.
Che il risveglio di questo fuoco porti
GUARIGIONE E RINASCITA.
 
tantra , massaggio tantrico di coppia
Rituale
Per vivere il rituale nell'unione, questo avrà inizio alle ore 19:00 di Venerdi 20 Marzo (per chi non potesse all'orario stabilito, potrà farlo in qualsisi altro orario)
  • Accendiamo una candela per portare luce
  • Seduti in posizione comoda con la colonna bene allineata
  • Focaliziamo la nostra attenzione nel settimo Chakra e respirando lasciamo andare ogni pensiero e tensione del corpo, focalizzandoci sul settimo Chakra ci permettiamo di entrare in connessione con tutto cio’ che è divino e universale.
  • (Tempo: almeno 10 minuti) Recitiamo mentalmente il mantra SO HAM : il mantra Sacro del respiro, Significa IO SONO QUELLO e indica la connessione profonda di ognuno con l’Universo intero.
    SO accompagna il soffio dell’inspiro e HAM quello dell’espiro.
    Il respiro è la VITA.
    Recitare questo Mantra ci porta in uno stato di connessione profonda con se stessi, con tutto ciò che esiste e di cui tutti facciamo parte, con i veri bisogni e con la nostra vera Natura, oltre a calmare e liberare la mente.
    Seduti comodi, con la colonna bene allineata, recitare il mantra mentalmente, So nell’inspiro, ham nell’espiro.
  • Fare Spazio : mantenendo la dimensione del mantra nella centratura possiamo riconoscere cosa è importante lasciare andare per noi , se vi può essere più utile scrivetelo , ringraziando ognuna di queste parti che state lasciando andare per gli insegnamenti che vi hanno portato.
  • I Nuovi Semi : ora guardiamo dentro di noi, nel nostro cuore, ci sono tantissimi semi e ne possiamo scegliere alcuni su cui desideriamo portare più energia per il loro sbocciare, anche questi li possiamo scrivere o anche solo identificare con il pensiero, ma con parole chiare e positive, evitando le negazioni es…evitare ”desidero non essere triste “ ma “desidero essere felice” ( è solo un esempio molto generico )
  • (almeno 10 minuti) Recitazione del mantra OM RAM : il mantra del fuoco, per la trasformazione, la creazione e la guarigione.
    E’ anche il mantra del dio Rama, celebrato nell’equinozio del mese di Marzo.
    Rama è simbolo della fedeltà alla legge interiore perché padrone della sua natura, ed esempio di una condotta di vita interamente offerta alla Verità.
Incarnando la fedeltà alla legge interiore egli ci collega anche con la forza di protezione che pervade l’esistenza.
    Con la pratica dei mantra a Rama riceviamo aiuto ed energia per vivere ogni momento della nostra vita come occasione di progresso e gioia.
    Seduti comodi recitare, con la colonna bene allineata, recitare il mantra mentalmente. Quando sciogliamo il mantra ascoltiamo bene la percezione dell’energia dentro di noi e portiamo l’intento di nutrire i semi che abbiamo scelto e la offriamo al divino e all’universo per diffondere guarigione.
Namasté
Francesca

1/2

© 2023 by Mana Olisticamente - Tutti i diritti riservati